top of page
  • Immagine del redattorePleroma

Il Cristo promette ai Suoi discepoli lo Spirito di Verità per la festa di Pentecoste


Antroposofia, Lucifero, Arimane

L’uomo è tagliato fuori dalla visione del Mondo spirituale come da un velo. Ora, la coscienza individuale che ha fatto di lui un Io, lo porterà di nuovo verso una coscienza più ampia. Per questo, da un clan ristretto, il sangue del Cristo fu sparso su tutto il mondo. La croce ha reso possibile questo: dalla croce il sangue si è sparso su tutta l’umanità. Contemporaneamente, però, la croce ha sviluppato l’io sempre più individuale, sempre più circoscritto. Tutto questo l’ha portato il cristianesimo. 


Quando però gli uomini sono affidati solo a sé stessi, senza coesione tribale e con accresciuta coscienza dell’io, l’egoismo deve crescere. Il Cristo Gesù lo aveva previsto, vedeva sorgere il materialismo, e quale argine vi oppose il cristianesimo. Nell’antichità tutto si fondava su legami di parentela, come è chiaramente dimostrato dal culto degli avi. Molte leggende si collegano alla figura di un eroe capostipite, come per esempio Teseo, o Cadmo. Questo concetto era seguito nelle leggi e nei comandamenti. Più tardi organizzazioni esteriori diedero le norme per la convivenza. Ma questo ebbe luogo solo con la diffusione del cristianesimo. 


Che cosa trova oggi l’uomo nell’internazionalismo? 

Un principio più potente della forza dello Stato. Le grandi potenze che dominano oggi il mondo sono intemazionali: si chiamano oro, trasporti, industria ecc., non hanno più nulla a che fare con l’antico vincolo di consanguineità. Il rovescio della medaglia di questa evoluzione è il materialismo. Nella macchina abita la razionalità egoistica. Ben diversamente il Greco antico rappresentava il suo Dio in Zeus, ricordando che il principio del Padre è alla base di ogni cosa. Dove troviamo qualcosa di divino nella nostra vita pubblica? Macchine, ferrovie e simili, tutto è al servizio dell’egoismo, egoismo che in futuro avrà una parte ancora maggiore e culminerà nella guerra di tutti contro tutti. 


Il Cristo ha creato il legame che unisce tutti gli uomini. A questo atto del Redentore si deve aggiungere ancora qualcosa. Negli uomini che si sentono attratti dal Cristo vivono sentimenti che uniscono gli uomini tra loro. L’azione del Cristo è la grande azione unificante che può di nuovo riunire il fisico allo spirituale. Gli uomini, oggi, utilizzano il fisico solo al servizio dell’egoismo, un giorno lo useranno per il servizio dello Spirito. Lo Spirito Santo deve unirsi al Figlio in modo che uniti ascendano insieme al Padre! 


Il Cristo dice: “Nessuno può giungere al Padre se non per mezzo mio”.116 Ognuno deve dire: “Sono come il tralcio della vite. Cristo è la mia vite”.117 Allora il Cristo vincerà l’egoismo nelle organizzazioni dell’umanità. Nei singoli Io deve penetrare lo Spirito del Padre, lo Spirito della comune origine, solo allora l’io lavora sul principio del Padre: tutti gli Io si costruiscono la propria casa, ma uniti insieme nel principio-Cristo. “Molte stanze sono nella casa di mio Padre”, dice il Cristo. In questo modo sono indicate le singole abitazioni costruite dagli Io, ma è il Cristo che deve preparare il luogo. 


Deve dunque giungere lo Spirito che unisce gli uomini, e questo è lo Spirito di Verità. 


La Scienza dello Spirito deve insegnare agli uomini la comprensione di questo principio comune, deve portare la Saggezza superiore, lo Spirito di Verità. Finché non si possiede la massima conoscenza, si continua ad avere opinioni diverse. Gli Gnostici chiamavano la Mistica “Mathesìs", perché nella matematica nessuno può dire di avere un’opinione diversa dagli altri. Due scienziati non possono avere opinioni diverse a proposito di una legge matematica, giacché non si tratta di desideri umani. 


Davanti alla massima saggezza dobbiamo liberarci dai nostri desideri. Solo chi, senza desideri personali, vuole studiare lo Spirito di Verità, è maturo per riceverlo. La massima conoscenza unisce gli uomini: non ci sono più opinioni e punti di vista. Lo Spirito di Verità dovrà irraggiare sugli uomini. Questi potranno essere molto lontani tra di loro nelle loro dimore, ma li unirà lo Spirito di Verità. La casa che l’io si costruisce si adatterà allo Spirito se lo Spirito di Verità regnerà sugli Io. 


Il Cristo promette ai Suoi discepoli lo Spirito di Verità per la festa di Pentecoste.


Solo allora i discepoli hanno parlato le varie lingue, solo allora le nazioni tutte impareranno a comprendersi fra di loro. Anche se l’egoismo diventerà sempre più forte, ogni Io possederà lo Spirito di unità se parteciperà allo Spirito di Verità. Chi vuole giungere a questo, deve vivere nello Spirito del Vangelo di Giovanni. Questa è la vera Scienza dello Spirito. Come tutte le piante si rivolgono al sole, crescono nella sua direzione, dovunque si trovino, così tutti gli Io si volgeranno al Sole dello Spirito, alla Luce spirituale della Verità! 



Rudolf Steiner O.O. 97 - Il Mistero Cristiano

Colonia, 8 Marzo 1907


 

Durante il prossimo 2025 terremo un percorso in 12 incontri

interamente dedicato al Vangelo di Giovanni,

seguendo di pari passo le conferenze tenute da Rudolf Steiner

nel volume O.O. 103 - Il Vangelo di Giovanni

0 commenti

Kommentare


2. ROSA.png
bottom of page