top of page
  • Immagine del redattoreGiorgio Tarditi Spagnoli

Rudolf Steiner sulla Russia e la Sesta Epoca



Ecco un estratto dall'Opera Omnia di Rudolf Steiner, da leggere con attenzione quando si vuole credere possibile intravedere la prefigurazione della sesta epoca nelle personalità, nei movimenti e nelle dinamiche della Russia attuale...


Siamo chiamati a rimanere sempre ben desti!


Specie riguardo a ciò che vorremmo credere per via di propensioni personali e dunque non oggettive.


Al contempo ciò non significa necessariamente che l'altra parte coinvolta nel conflitto sia in linea con le forze regolari che conducono alla sesta epoca, data l'ingerenza di altre nazioni organizzazioni sovranazionali, le quali intralciano o addirittura impediscono il libero divenire dei popoli, secondo anima e spirito di popolo.


Tratto da: Prepararsi alla Sesta Epoca - GA195

Da molte conferenze tenute negli anni passati, sappiamo che l'Europa orientale è abitata da un popolo la cui particolare missione sarà nella sesta epoca, e non prima della sesta epoca, di portare ad espressione definitiva le forze elementari che ora sono in loro. Sappiamo che i popoli russi non saranno pronti fino alla sesta epoca di cultura a dispiegare in forma elementare le forze che ora sono in loro. La missione dell'Europa occidentale e centrale è quella di introdurre negli uomini le qualità che possono essere introdotte dall'anima della coscienza. Non è questa la missione dell'Europa orientale. L'Europa orientale dovrà aspettare che l'io spirituale scenda sulla terra e possa permeare le anime degli uomini. Questo deve essere inteso nel senso giusto. Se inteso nel senso sbagliato, può facilmente portare all'orgoglio e alla superbia, proprio in Oriente. L'apice della cultura post-atlantica viene raggiunto nella quinta epoca. Ciò che seguirà nella sesta e nella settima epoca sarà una linea di evoluzione discendente. Tuttavia, questa evoluzione discendente nella sesta epoca sarà ispirata, permeata dall'io spirituale. Oggi l'uomo dell'Europa orientale sente istintivamente, ma spesso con istinto perverso, che è così; solo che la sua coscienza di ciò è, per la maggior parte, estremamente nebulosa e confusa. La frequente ricorrenza dell'espressione "l'uomo russo" è abbastanza caratteristica. Il genio si esprime nel linguaggio quando, invece di dire come facciamo noi in Occidente - inglesi, francesi, italiani, tedeschi - l'Europa orientale dice "l'uomo russo". Molti esponenti dell'intellighenzia russa attribuiscono importanza all'uso dell'espressione "l'uomo russo". Questo è profondamente legato al genio di una particolare cultura. Il termine si riferisce all'elemento di virilità, di fratellanza che è diffuso in una comunità. Si cerca di indicarlo inserendo una parola che faccia emergere la "virilità" del termine. Ma è anche evidente che l'altezza da raggiungere in un futuro lontano non è ancora stata raggiunta, in quanto il termine include una parola che contraddice clamorosamente il sostantivo. Nell'espressione "l'uomo russo", l'aggettivo annulla davvero ciò che è espresso nel sostantivo. Quando si raggiunge la vera virilità, infatti, non dovrebbe esserci alcun aggettivo che suggerisca un elemento di esclusività.
Ma a un livello molto, molto più profondo, c'è nei membri dell'intellighenzia russa la consapevolezza che una concezione di comunità, di fratellanza deve prevalere nei tempi a venire. L'anima russa sente che l'io spirituale deve scendere, ma che può scendere solo in una comunità di uomini permeata dalla coscienza della fratellanza, che non potrà mai diffondersi in una comunità dove non c'è coscienza di fratellanza. Ecco perché gli intellettuali russi, come si definiscono, fanno il seguente rimprovero all'Europa occidentale e centrale. Dicono: "Non badate affatto a una vita di vera comunità. Coltivate solo l'individualismo. Ognuno vuole essere una persona per conto suo, essere solo un individuo. Voi portate l'elemento personale, attraverso il quale ogni singolo uomo si sente un'individualità, al suo massimo estremo". Questo è ciò che riecheggia dall'Oriente all'Europa occidentale e centrale in molti rimproveri di barbarie e simili. Coloro che cercano di rendersi conto di come stanno realmente le cose, accusano l'Europa occidentale e centrale di aver perso il senso dei legami umani. Confondendo presente e futuro come fanno ora, queste persone dicono: "Solo in Russia esiste una vera e genuina comunità di vita tra gli uomini, una vita in cui ognuno si sente fratello dell'altro, come il 'Piccolo Padre' o la 'Piccola Madre' dell'altro". L'intellighenzia russa afferma che il cristianesimo dell'Europa occidentale non è riuscito a sviluppare l'essenza della comunità umana, ma che il russo sa ancora cosa sia la comunità.
Alexander Herzen, un eccellente pensatore vissuto nel XIX secolo e appartenente all'intellighenzia russa, ha portato questo concetto alla sua conclusione definitiva dicendo: "In Europa occidentale non ci potrà mai essere felicità". Non importa quali tentativi si facciano, la felicità non arriverà mai nella civiltà dell'Europa occidentale. Lì l'umanità non troverà mai l'appagamento. Lì può prevalere solo il caos. L'unica e sola salvezza risiede nella natura e nella forma di vita russa, dove gli uomini non si sono ancora separati dalla comunità, dove nelle loro comunità di villaggio c'è ancora qualcosa della natura dell'anima di gruppo a cui si aggrappano. Quella che noi chiamiamo anima di gruppo, dalla quale l'umanità è gradualmente emersa e nella quale vive ancora il regno animale, è ciò che viene venerato dall'intellighenzia russa come qualcosa di grande e significativo nel suo popolo. Non riescono a pensare che la comunità del futuro debba librarsi come un alto ideale, un ideale che deve ancora essere realizzato. Si attengono fermamente al pensiero: Siamo gli ultimi in Europa a conservare questa vita nell'anima del gruppo; gli altri ne sono usciti; noi l'abbiamo conservata e dobbiamo conservarla per noi stessi.
Sì, ma questa vita nell'anima di gruppo in realtà non appartiene affatto al futuro, perché è la vecchia forma di esistenza dell'anima di gruppo. Se continuasse sarebbe un'anima di gruppo luciferica, una forma di vita rimasta a uno stadio precedente, mentre la forma di vita di gruppo vera e da perseguire è quella che cerchiamo di trovare nella scienza dello spirito. Comunque sia, l'impulso e l'anelito degli intellettuali russi mostrano come lo spirito di comunità sia necessario per realizzare la discesa dell'io spirituale. Così come si cerca di ottenerlo su una falsa via, così si deve cercare di ottenerlo nella scienza dello spirito sulla vera via. Quello che vorremmo dire all'Oriente è questo: Il nostro compito è quello di superare completamente proprio ciò che voi state cercando di conservare in forma esteriore, cioè una vecchia forma di comunità luciferica-ahrimanica. In una comunità di carattere luciferico-arimanico ci sarà una coercizione del credo così rigida come quella stabilita dalla Chiesa cattolica ortodossa in Russia. Tale comunità non comprenderà la vera libertà di pensiero; tanto meno sarà in grado di elevarsi al livello in cui la completa individualità è associata a una vita sociale in cui prevale la fratellanza. Quest'altra forma di comunità vorrebbe conservare ciò che è rimasto della fratellanza di sangue, della fratellanza puramente di sangue. La comunità che non si fonda sul sangue, ma sullo spirito, sulla comunità delle anime, è ciò per cui si deve lottare lungo i sentieri della scienza spirituale. Dobbiamo cercare di creare comunità in cui il fattore sangue non abbia più voce. Naturalmente, il fattore sangue continuerà, vivrà nelle relazioni familiari, perché ciò che deve rimanere non sarà sradicato. Ma deve nascere qualcosa di nuovo! Ciò che è significativo nel bambino sarà conservato nelle forze della vecchiaia, ma negli ultimi anni l'essere umano deve ricevere nuove forze.
Il fattore sangue non è destinato a comprendere grandi comunità di esseri umani nel futuro. Questo è l'errore che filtra dall'Oriente nei terribili eventi di oggi. Una guerra è divampata sotto il titolo di comunità di sangue tra i popoli slavi. In questi tempi funesti stanno entrando tutti quegli elementi di cui abbiamo appena sentito parlare, elementi che in realtà hanno in sé il nocciolo giusto, ossia il sentimento istintivo che l'io spirituale può manifestarsi solo in una comunità in cui prevale la fratellanza. Non deve però essere una comunità di sangue: deve essere una comunità di anime. Ciò che cresce come comunità di anime è ciò che sviluppiamo, nella sua fase infantile, nei nostri gruppi di lavoro. Ciò che tiene l'Europa dell'Est così saldamente attaccata all'anima di gruppo, facendole considerare l'anima di gruppo slava come qualcosa che non vuole abbandonare ma che, al contrario, considera come un principio per l'intero sviluppo dello Stato, è questo che deve essere superato. Tradotto con www.DeepL.com/translator (versione gratuita)
0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments


2. ROSA.png
bottom of page