top of page
  • Immagine del redattoreUnopertutti Tuttiperuno

Biografia Impulso: 6) Il 2021 inizia a vele spiegate...

Crediamo sia giunto il tempo di fare un lavoro di natura biografica rispetto alle vicende dell’impulso, ed in alcuni casi dei singoli partecipanti o collaboratori. Trovate tutti gli articoli inerenti cliccando qui.

Il nuovo anno era ormai iniziato, siamo nel 2021, ed avevamo dato vita a due percorsi annuali, uno riguardante l’approfondimento delle Lezioni Esoteriche (Vol. 1) - (qui trovate maggiori informazioni sull'evoluzione del percorso: https://www.pleroma.uno/sezione-esoterica ) - l’altro nato sulla scia di un bisogno molto condiviso, che era quello di inserirsi con maggiore coscienza nel corso dell’anno. Nacque quindi anche Vivente Antroposofia (che ora trovate interamente pubblicato qui: https://www.youtube.com/playlist?list=PLmOsZSpvocYlMP3UE9ZnRu5Pde-_WJU1k ), che inizialmente era stato immaginato con percorso conchiuso in se stesso, ma dopo i primi mesi ci rendemmo conto che avrebbe avuto un seguito (di fatto abbiamo tenuto tre cicli annuali, tutti incentrati sul corso dell’anno, ma da diversi punti di vista). 


Quando iniziammo con il primo incontro di Lezioni Esoteriche ero talmente teso, che feci arrivare i partecipanti con mezz’ora di anticipo nel meeting (cosa che oggi non accade più, ci si collega pochi minuti prima). Ma in quel momento era la prima volta su Zoom, e non sapevo onestamente come comportarmi, era davvero la mia prima esperienza in tal senso. Riuscimmo ad intrattenerci, cercando di conoscerci un po’ di più, ma già dal secondo incontro capii che non avrebbe avuto molto senso, poichè era poco tempo e non tutti erano presenti. Quindi decidemmo di creare un secondo incontro mensile, dedicato solo ai partecipanti, i quali si sarebbero potuti confrontare sul lavoro esoterico che stavano svolgendo, e con essi anche io, quindi era un’ottima occasione per uno scambio sano. Durante questi incontri eravamo così tanti che dovevamo dividerci in piccoli gruppi, nelle famose stanze di Zoom ed io facevo un po da “Grande Fratello” che entravo nelle diverse stanze per capire come procedevano gli incontri. C’era uno stato d’animo generale abbastanza partecipato, il confronto era fruttifero e molti dissero di aver trovato diversi benefici nel corso dell’anno. 


La voglia di fare era così tanta che dopo poco tempo iniziammo ad immaginare alcuni incontri in presenza, presso un centro olistico in provincia di Treviso, dove una nostra cara amica aveva avviato alcuni incontri di Antroposofia per conto proprio e noi abbiamo deciso di supportarla coinvolgendo il nostro piccolo, seppur in costante crescita, pubblico. Chiaramente i primi tentativi sono stati delle vere e proprie scommesse, e sentivo particolarmente la preoccupazione di “non poterci riuscire”. L’online è in un certo senso “affidabile” poichè tocca un pubblico molto ampio e per la legge dei grandi numeri, qualcosa avviene sempre e si rischia poco (non dovendo fare investimenti sulla sala, spostamenti, alloggi per i relatori e così via). Siamo quindi andati avanti a tastoni con incontri su tematiche disparate, come il percorso “L’uomo, la Religione degli Dei” oppure i “Simboli segreti dell’Alchimia” (di cui qui trovate il ciclo completo: https://www.youtube.com/playlist?list=PLmOsZSpvocYnpmTumDNXkX5rlAvI0Fzbz ), oppure un primo approccio al lavoro biografico e allo studio della Biografia (che fu uno dei più seguiti). I numeri ed il guadagno non erano pari all’online, e sapevamo bene che come progetto alle prime fasi del suo sviluppo avremmo avuto bisogno di risorse per poter proseguire. Continuammo quindi con l’online e decisi di coinvolgere altri relatori, o ricercatori in ambito scientifico spirituale, che potessero sostenere l’impulso. 


Già dal mese di Febbraio coinvolti diversi relatori che avrebbero proposto percorso sia a libero contributo che a pagamento. Cercavamo di soddisfare i bisogni di tutti, dai “clienti” amici e ai relatori. Non sarebbe stato possibile fare tutto gratuitamente per diverse ragioni, alcune già esposte, ma sapevamo e ritenevamo giusto che alcuni percorsi dovessero essere resi in maniera più “accessibile” (quindi a libero contributo) e questo ci gratificava molto, poichè era un importante segno che non volevano in alcun modo creare una “chiusura” rispetto alla diffusione dell’Antroposofia. Sappiamo tutti quanto affanna l’Antroposofia a diffondersi in Italia, moltissime persone con cui parlo sia ora che allora non sanno minimamente di cosa si tratta, e siamo felici di aver riscontrato nel tempo che un buon 70% dei partecipanti ai nostri corsi erano completamente a digiuno di temi antroposofici o conoscenze esoteriche, e siamo ancora più felici di sapere che molti di essi oggi continuano a seguire i corsi o sono addirittura diventati collaboratori del progetto. 


Qui trovate alcuni dei percorsi che sono stati resi pubblici nel tempo. Questo è possibile poichè abbiamo deciso che a seguito del terzo anno dallo svolgimento del percorso, i corsi diventano aperti a tutti, gratuitamente. La principale motivazione che ci ha spinto a questo è che non proponiamo mai due volte lo stesso percorso (se non per le Lezioni Esoteriche che sono una sorta di “soglia” da attraversare prima di poter accedere alla Sezione Esoterica ed al Servizio di Misraim). 



Alcuni di questi percorsi sono stati tolti dal nostro canale poichè richiesto dai relatori a seguito della chiusura della collaborazione, ma erano molti di più. Chiaramente questo ci dispiace, ma è giusto che i relatori esprimano il loro consenso o meno all’apertura al pubblico di certi contenuti. Molti si basano su percorsi che propongono ripetutamente e quindi ha senso, altri semplicemente non volevano coltivare con noi nell’impulso, quindi abbiamo fatto un passo indietro. 


Nello stesso anno confrontandomi con Giorgio, con il quale avevamo telefonate e videochiamate continue, avendogli espresso e dimostrato il mio piacere a dedicarmi all’arte in qualsiasi forma, mi chiese se avessi voglia di lavorare ad un progetto abbastanza impegnativo ed avventuroso: la ricreazione dei tarocchi di Marsiglia (di Camoin) con i colori dei 4 elementi ed altre piccole modifiche. Chiaramente accettai e dopo un primo tentativo con il Matto, che mi richiese solo una settimana di lavorazione con i pastelli, iniziai la mia avventura, che è durata circa 3 anni. L’ho iniziata che avevo 30 anni e si è conclusa poco prima del mio compleanno di 34 anni. Quindi nel pieno del mio triennio eristico. Non avevo alcuna idea di cosa sarebbe successo iniziando quel lavoro, e solo oggi posso dire che è stato un lavoro interiore costante, pieno di insidie e soddisfazioni, di confronti costanti con la mia parte interiore e con i miei “demoni” (ostacolare in veste giocosa). Si perchè loro si divertono a tenderci alcune trappole sul cammino, ed il lavoro con quelli che oggi chiamiamo “gli Arcani della Maddalena” mi ha aiutato e stimolato molto a pormi alcune domande precise in momenti specifici. Pe ora lascio qui il link alla pagina descrittiva degli Arcani della Maddalena, ed avrò sicuramente modo di parlarne approfonditamente nelle prossime “puntate” di questa biografia, poichè posso affermare che hanno scandito le scelte più importanti di questi anni. 


GLI ARCANI DELLA MADDALENA: 



I mesi trascorrevano ed il gruppo delle Lezioni Esoteriche si affinava sempre di più. Dagli oltre 100 partecipanti sono giunti alla fine dell’anno soltanto in 20 circa. Era chiaramente un percorso che richiedeva una massima presa di coscienza e volontà. Non era solo un gruppo di studio, che di per sè era anche complesso, ma l’abbinamento delle meditazioni e degli esercizi, che cambiavano ogni mese in funzione anche delle virtù dello zodiaco ed altri aspetti, metteva (e mette tutt’ora) a dura prova il candidato (o discepolo). Io non ero mai saturo di quel tipo di impegno, anzi mi cercavo esperienze che potessero mettermi maggiormente in contatto con quella parte di me che si stava risvegliando. Decisi quindi di fare visita per un certo tempo ad un agriturismo di alcuni dei partecipanti del Gruppo Lezioni Esoteriche, in provincia di Viterbo. Scelsi che sarei rimasto lì fino alla Pasqua, quindi per tutta la quaresima, sia per vivermi intensamente quel periodo, sia per conoscere meglio il posto, dove avremmo voluto organizzare un ritorno di qualche giorno per l’arrivo della primavera. 


Non la tiro per le lunghe, ma il rapporto con i proprietari del centro non fu dei migliori, si innescarono alcune dinamiche personali che per quanto volessi appianarle divennero insostenibili, a tal punto che dovemmo decidere all’ultimo di spostare il ritiro (ormai organizzato e confermato con i partecipanti previsti, circa 25). Dopo aver lasciato l’Agriturismo, rientrato nuovamente in Veneto, mi misi a cercare soluzioni alternative e scegliemmo un Agriturismo/Fattoria in Liguria. Era ancora il periodo della chiusura delle regioni, ma sapevamo che in qualche modo dovevamo continuare il nostro lavoro soprattutto in presenza, quindi non ci siamo demoralizzati e siamo partiti alla volta del primo ritiro del progetto. Quindi la prima volta che diverse persone si ritrovavano insieme nello stesso luogo, sia per esperienze e contenuti di conoscenza, ma anche per vivere una qualità comunitaria. Le difficoltà non furono poche… prima fra tutte: il motore della mia macchina letteralmente “esplose” in autostrada, un pistone saltò e rimasi senza auto. Per fortuna riuscimmo comunque a trovare una soluzione e ripartire per la destinazione, ma fu un segno interessante, un “ostacolo” abbastanza… divertente. Qualcuno voleva “limitarci” e non era solo lo stato con la chiusura delle regioni. Per fortuna e per buona volontà, tutto è andato per il meglio, e l’evento aveva aperto una nuova strada, che avremmo perseguito, come i corsi online, i corsi in presenza ed i viaggi. 


Qui trovate il ciclo completo delle conferenze tenute durante il ritorno >> 


Siamo quindi al mese di Marzo del 2021… e l’avventura dell’Impulso Pleroma è solo all’inizio. 


Ci leggiamo presto… con affetto ed estrema gratitudine.


Unopertutti Tuttiperuno



Qui trovare i riferimenti per l'Associazione Pleroma affinchè se risuonasse qualcosa in voi, si possa trovare poi il “terreno nel quale coltivare insieme” >> https://www.pleroma.uno/associazione-pleroma


Post correlati

Mostra tutti

Commentaires


2. ROSA.png
bottom of page